Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sui cookie utilizzati vi invitiamo a prendere visione della nostra privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookie da parte di questo sito.

Le principali tipologie di oggetti da lavare

Lo sapevate che...
Se c’è troppa schiuma nella vasca di lavaggio, è necessario controllare i seguenti punti:

  • È stato aggiunto brillantante durante la fase di carico e la fase di lavaggio è iniziata quando la temperatura dell’acqua era ancora troppo bassa (meno di 40°C).
  • Durante il prelavaggio manuale residui di detergente a mano sono rimaste sulle stoviglie. Tale prodotto crea schiuma se agitato all’interno della lavastoviglie
Se le stoviglie non asciugano:
  • Il boiler non raggiunge la temperatura necessaria al risciacquo delle stoviglie. Tale temperatura deve essere almeno di 80°C in modo da produrre il giusto sbalzo termico necessario ad una veloce asciugatura.
  • Le stoviglie non sono completamente neutre e quindi presenteranno tracce di detergente rilevabili con la fenolftaleina. Tale situazione non permette l’asciugatura veloce delle stoviglie.

Bicchieri

Il lavaggio del vetro richiede accorgimenti particolari per ottenere un risultato eccellente:
1) Utilizzare acqua trattata, meglio se demineralizzata o di osmosi, meno efficace è il classico addolcitore a sale. Per un ottimo risultato è importante non tanto la durezza (espressa in gradi francesi F°) quanto la conducibilità dell’ acqua (espressa in microsiemens), più bassa è meglio è.
2) Utilizzare cestelli adeguati al tipo di bicchiere da lavare, con separatori e/o inclinatori, anche per evitare rotture accidentali.
3) Non lavare i bicchieri con la stessa acqua in cui sono stati lavati I piatti. Nel caso si utilizzi la stessa macchina per il lavaggio di piatti e bicchieri è necessario cambiare l’acqua in vasca prima di lavare questi ultimi.
4) Utilizzare detergenti specifici in abbinamento con le acque trattate.

Piatti

L’ottimale lavaggio dei piatti richiede l’utilizzo di una lavastoviglie e di prodotti detergenti adeguati al tipo di sporco e di acqua impiegata. Non è necessario l’utilizzo di filtri osmotici o demineralizzatori, ma è senz’altro consigliabile l’impiego di un sistema di addolcimento per evitare i danni che il calcare provoca alla lavastoviglie e per ridurre il consumo di detergente. Il detergente poi deve essere di buona qualità ed adatto alla tipologia di acqua e di sporco presenti nel locale. I maggiori produttori offrono una ampia scelta di prodotti per ogni esigenza. Per quanto riguarda la produttività teorica dei diversi tipi di lavastoviglie essa varia da 350 a 7.000 piatti ora, la scelta del tipo di macchina è fortemente legata alla specifica situazione di ogni singolo utilizzatore, ma è comunque possibile tentare una suddivisione empirica basata sull’esperienza:
1) lavastoviglie sottobanco e frontali a sportello: fino a 80 lavaggi giorno
2) lavastoviglie a capot: da 60 a 150 lavaggi giorno
3) lavastoviglie a traino: da 150 a 1.000 lavaggi giorno
4) oltre i 1.000 lavaggi/giorno si entra nel campo dei grandi sistemi, tipicamente per comunità e con alimentazione parzialmente o totalmente automatica

Pentole ed utensili da cucina

Ove possibile è senz’altro meglio utilizzare una apparecchiatura specifica sia per la tipologia di sporco particolarmente ostica che richiede forti azioni meccaniche e tempi lunghi sia per l’elevata concentrazione di sporco che si determina in vasca e che renderebbe problematico il successivo lavaggio di piatti o bicchieri. Inoltre le dimensioni degli oggetti da lavare eccedono spesso il volume interno delle lavapiatti. Esistono sul mercato diverse tipologie dimensionali fra cui individuare il prodotto più consono alle proprie esigenze. Si consiglia in ogni caso di orientarsi verso prodotti con sistemi di lavaggio ad alta efficienza e risciacquo costante con boiler senza pressione per ottenere il massimo delle prestazioni; la rumorosità di queste macchine è tendenzialmente elevata a causa delle alte potenze in gioco, per cui è preferibile acquistare lavaoggetti realizzate integralmente in doppia parete proprio per ridurre al minimo l’inquinamento acustico. A seconda dei materiali e degli oggetti da lavare è inoltre consigliabile l’utilizzo di detergenti specifici.